Archivi tag: spada

Equilibrium – 2.1 – Villon

Muove lentamente il polso, agitando la stretta spada a mezz’aria.
Lentamente piegando la testa sulle spalle a destra e a sinistra, provoca un piccolo scricchiolio di ossa.

Per la prima volta Villon riflette seriamente sui suoi debiti. Forse avrebbe dovuto davvero pagare, questa volta: certa gente non si rassegna proprio, pensa, e sorride.

Il suo sorriso viene poco apprezzato dai sicari che lo circondano. Sono quattro, e questa volta non si tratta di ladruncoli prezzolati.
Villon lo capisce da come si muovono, da come lo studiano.

Dei guappi prezzolati lo avrebbero confusamente assaltato, visto che era bloccato nel vicolo. E sarebbero rapidamente morti.
Ma questi aspettavano, ed erano ben disposti, con le corte spade tese ad una giusta distanza l’uno dall’altro, per non intralciarsi a vicenda.
Vestono un’aderente armatura di cuoio tinto di nero, i volti celati e un turbante di stoffe dello stesso colore.
Si, questa volta non sarebbe stato semplice.

Il primo affondo è rapido ma scontato, deviarlo è semplice ed offre a Villon il tempo utile a schivare il secondo ed a ruotare sul fianco del primo aggressore.

Una rotazione del polso, un colpo secco, e la prima lama cade a terra.
Il proprietario incespicando cade all’indietro. Fugge quasi a quattro zampe alzando la polvere sottile, il terriccio che invade i vicoli di Shalem.

Ma gli altri si ridispongono, ora, a coprire le vie di fuga.

Poi accade. Di nuovo. Ancora una volta il tempo perde consistenza.
Torna alla sua memoria la ballata dell’infanzia, una nenia popolare, la voce della zia che ne ripeteva i versi di una lingua sconosciuta.

Villon appoggia il polso libero alla fronte, per tergerne il sudore.
Ora è un sorriso amaro che gli sfugge, pensando a quanto quelle parole lo avrebbero influenzato, parole di cui comprendeva adesso molto bene il significato

“ Zandor, Io sono, il Signore della Spada. ”
“ Fugge il vento e la vita fra le mie mani, ”
“ il sangue gela nelle vene di colui che il mio sguardo incontra. “
“ Fugge la Vita da coloro che osano incrociare Santur, la mia lama. ”
“ E vago nel buio della notte, le strade della Città Deserta… ”

Con movimento fluido la spada si anima e si sposta in orizzontale, parallela alla linea delle spalle, sopra la testa.
La mano sinistra tesa in avanti, impugna un piccolo scudo metallico, grande come un piatto.

Villon vede il movimento del primo, sulla destra, e tutto avviene come in un sogno al rallentatore.
Il lento affondo, schivato con il ginocchio in terra, il secondo parato con il piccolo scudo.

Perno sul ginocchio, una rotazione del corpo, anche il terzo attacco è deviato.
Affondo di rinterzo, usando il corpo dell’avversario come sponda; il rosso del sangue vela per un istante la sua vista.

Il Sapore del Sangue è un Sapore conosciuto. Conosciuto da tutti. Ancestrale. Inconfondibile, come il suo Odore.
Un Sapore ed un Odore familiare ed alieno allo stesso tempo. Ci dice più di quanto riusciamo a percepire.

Un’altra vita è presa.
Un altro sicario invece fugge via dal vicolo. Correndo veloce sparisce nella foschia notturna: ha deciso di vivere.

Quello che resta è il più determinato. Forse anche il più abile di loro.
Non arretra. Non esita. Non perde il controllo dello spazio che lo circonda.

La lama di Villon guizza fulminea. Un lampo di metallo nello scuro del vicolo che recide i tendini e disarma il superstite.

Appoggiando la lama sulla spalla dell’uomo, lo costringe a terra, sulle ginocchia.
Fissandolo negli occhi, con voce lenta e suadente, sussurra –
– Digli che pagherò, e che pagherò presto. Digli di essere paziente, ed io pagherò. Se porta pazienza, avrà i soldi e resterà in vita per spenderseli –

Nella foschia della notte, nei vicoli di Shalem, Villon si allontana lasciando vivo il suo messaggio di risposta.

Santur
Santur, la Spada